Pubblicato in: conflittualità dell'essere..., Divagazioni, Eventi..., Riflessioni, Varie

La precarietà…protagonista della nostra era!


Creare degli equilibri non è facile cosa! Troppo spesso è cosi’ arduo che si rischia di non ottenere il massimo sperato, e di doversi accontentare di situazioni di evidente precarietà e sperando che sia solo una situazione di temporanea emergenza!

Penso in special modo al mondo della politica, sia quella interna ai singoli stati che a livello globale, laddove conflitti e contrapposizioni fra paesi creano preoccupazioni, alimentano conflitti, contese territoriali, rigurgiti terroristici che non lasciano presagire nulla di buono.

Penso agli sforzi per contrastare il dilagare del Covid 19 che non accenna ad esaurirsi e col quale si dovrà convivere ancora a lungo e senza poterne prevedere ulteriori complicanze non solo per salute delle persone, ma anche in senso economico e quant’altro ancora!

L’immagine che propongo mette in evidenza un equilibrio precario portato a termine con tanto stipendio di energia mentale e pazienza, ma che lascia il dubbio su quanto potrà durare e se ne sia valsa la pena averci impiegato tanto tempo e fatica!

Potrebbe ben essere metafora di tante situazioni presenti nella nostra società che è evidentemente molto in affanno nel trovare soluzioni soddisfacenti e durature alle problematiche del nostro tempo che ritengo segnino una svolta epocale verso nuovi orizzonti non privi di incognite, ma anche sicuramente verso un futuro migliore… !


Creating balance is not an easy thing! Too often we risk not getting the maximum we hoped for, and having to settle for situations of evident precariousness and hoping that it is only a situation of temporary emergency!

I am thinking in a special way of the world of politics, both internal to individual states and globally, where conflicts and conflicts between countries create concerns, fuel conflicts, territorial disputes, terrorist regurgitations that do not bode well.

I am thinking of the efforts to counter the spread of Covid 19 with which we will have to live for a long time and with further complications not only for people’s health, but also in an economic sense and so on!

The image I propose highlights a very precarious balance achieved with a lot of mental energy and patience, but which leaves the question of how long it will last and whether it was worth it to have spent so much time and effort!

It could be a metaphor for many situations present in our society always struggling to find satisfactory and lasting solutions to the problems of our time that I believe mark an epochal turning point towards new horizons with many unknowns, but also certainly towards a better future…!

Pubblicato in: conflittualità dell'essere..., Costume e società, Divagazioni, Riflessioni, Varie

Amore: un vocabolo unico per una molteplicità di varianti!


Il termine “Amore” è una parola che include troppe e svariate sfumature del nobile sentimento, non sempre scevro, purtroppo, di aspetti peggiorativi dello stesso, da poter essere ritenuto un termine troppo spesso impropriamente usato e pertanto..abusato.

Una parola così comune da servirsene a piacimento, rischiando di disperderne la vera essenza intrinseca, il suo autentico valore…

Ognuno, infatti, se ne serve con una propria definizione ed in base ai suoi propri interessi momentanei. Sulla Terra ci sono tante definizioni dell’Amore per quanti sono gli individui che la abitano!

Peccato che, sia le più basse pulsioni sessuali, sia i vari aspetti morbosi e spesso violenti in una relazione amorosa e, all’ altro estremo, una dedizione totale od anche un’estasi mistica, passino tutte sotto il medesimo termine, come espressioni dello stesso sentimento…

Un caotico calderone in cui si mescolano tutte le varianti possibili ed immaginabili di un sentimento cosi’ ricco di sfumature e percezioni diverse.


The term “Love” is a word that includes too many and varied shades of the noble sentiment, unfortunately not always free of its pejorative aspects, to be considered a term too often improperly used and therefore … abused.

A word so common that we use it at will, risking losing its true intrinsic essence, its authentic value …

Everyone, in fact, uses it with its own definition and according to its own momentary interests. On Earth there are as many definitions of Love as there are individuals who inhabit it!

It is a pity that both the lowest sexual impulses, and the various morbid and often violent aspects in a love relationship and, at the other extreme, a total dedication or even a mystical ecstasy, all pass under the same term, as expressions of the same feeling…

A chaotic cauldron in which all the possible and imaginable variants of a feeling so rich in different shades and perceptions are mixed.

Pubblicato in: Bellezze naturali, Natura, Varie

Un esemplare di flora mediterranea!


Si trova in Sabina nel comprensorio di Canneto Sabino e pare abbia fra due e tremila anni. I suoi frutti si raccolgono tra novembre e dicembre ancora… rigorosamente a mano. La pianta misura un’altezza di 15 metri, la circonferenza del tronco di 5,50 mt, fino ad un massimo di 7,20. Al suo interno è presente ancora una vecchia cavità che riesce ad ospitare una persona di media corporatura.

Potrebbe risalire all’ ottavo secolo in cui iniziarono in questa zona lavori importanti di bonifica agraria e piantati nuovi ulivi. Nel 700 furono piantati o innestati su olivastri già preesistenti centinaia e centinaia di ulivi, forse tra questi anche l’ulivo di Canneto. L’ulivone, produce tra i 7 e gli 8 quintali di olive. Può essere considerato una memoria storica della tradizione e della vocazione olivicola europea.

————————————————————————

The tree is located in Canneto Sabino (Rieti). Features: Height 15 mt, circumference of 5,5 to 7,20 metres, a production of 7-8 quintals olives per year…

Pubblicato in: Divagazioni, Riflessioni, Universo, Varie

Un processo di espansione inarrestabile!


Il processo di espansione della coscienza è il più importante di tutti gli altri processi cognitivi.

Nell ’universo si espandono le galassie…allontanandosi le une dalle altre, nel nostro microcosmo cio’ corrisponderebbe all’ espansione della coscienza sia collettiva che individuale. Questa è la vera chiave per capire cosa stiamo vivendo oggi, sia nel bene che nel male, sia nelle difficoltà che nelle opportunità. L’espansione della coscienza comporta sempre un’espansione dell’energia, quindi più coscienza corrisponde a più vita, più energia.

Particolarmente in questo periodo storico, le persone si trovano immerse in queste onde di nuove energie che fanno emergere anche tutte le contraddizioni, i paradossi, le cose migliori e quelle peggiori! L’impatto di queste vibrazioni sulla nostra salute ci porta o ad un rafforzamento della stessa o ad un indebolimento.

Ci dà più capacità per uscire dalle malattie, ma può anche agire al contrario! Fondamentale è per noi la necessità di effettuare scelte giuste con l’apporto dell’intuizione e della coscienza spirituale. Riuscendo a scegliere correttamente, la vita del futuro sarà favolosa, senza di queste…sarà terribile e spesso impossibile da portare avanti.

Con l’espansione della coscienza ed il conseguente apporto di energia, aumentando, quindi, le nostre frequenze vibrazionali, a un certo punto entreremmo nella quarta dimensione, ove si realizzerebbe un’ eterealizzazione del nostro corpo fisico e della materia.

Esistono teorie che dicono cio’ sia già successo in passato. Un grande interrogativo, ad esempio, che da tempo ci si pone, riguarda cosa sia successo con la civiltà Maya? Questa era arrivata ad un altissimo punto di sviluppo di coscienza ed a un certo punto… scomparve!

Alcuni studiosi hanno avanzato l’ipotesi che i Maya siano entrati “collettivamente” nella quarta dimensione, avrebbero quindi eterealizzato il loro corpo ed il loro essere, per entrare in una dimensione superiore, innalzando le proprie vibrazioni e trasformando così il corpo di materia in un corpo… di luce.

Pubblicato in: Divagazioni, Varie

Un aiutino è pur sempre possibile se si è propensi ad accettarlo!


Ogni lingua parlata evolve nel tempo! Molti sono i neologismi, gli anglicismi dilagano, ma anche le terminologie di ogni singola lingua si adattano all’uso pratico che si instaura a seguito di consolidate abitudini di vita, di piccole quotidianità che caratterizzano la nostra vita comunitaria.

L’ “aiutino”, nel caso che ci riguarda, è un sostantivo che sta per piccolo aiuto e che va creandosi sempre piu’ spazio, particolarmente fra amici, ma non soltanto! Forse magari anche per il fatto che si sia disposti a farsi aiutare, e forse anche per avvicinarci con maggiore simpatia a chi sarebbe disposto ad aiutarci.

Se non riesco a fare bene quella tal cosa, un aiutino sarebbe l’ideale! Oppure, non so come gestire al meglio una certa situazione; un aiutino..sarebbe gradito!

Un altro simpatico diminutivo applicato con sempre maggiore frequenza è il… “Cafferino” che gustiamo al bancone di un bar, magari durante una breve pausa fra un impegno e l’altro, ed inteso come un piccolo spazio mentale ricreativo e socializzante!

Non si tratta di un caffè in quantità ridotta, come si potrebbe pensare, bensi’ di una graziosità attribuita a questa bevanda che è assurta a significato di convivialità e socialità come potrebbe anche essere il consumare una pizza insieme! Infatti “prendiamoci un cafferino o gustiamoci una pizza” sono le espressioni piu’ in uso.

Un diminutivo che a me piace! Quando al mattino leggo il giornale al bar e la cameriera mi chiede se gradisco il solito cafferino, mi pare d’essere in famiglia ed avverto in questo modo di approccio un saluto molto amichevole, una convivialità che mi gratifica e mi onora!

Sono piccole graziosità quotidiane che facilitano il crearsi di una amicizia o il consolidarsi della stessa….

Pubblicato in: Divagazioni, Riflessioni, Universo, Varie

Un Universo pieno di …emozioni.


Sappiamo d’essere tutti collegati e connessi all’ Universo intero, come tanti fili di un reticolo molto complesso che include uomini, cose, specie diverse e quant’ altro. Abbiamo anche sentito affermare che, quando esprimiamo un sano desiderio, l’intero Universo si attiverebbe a che questo si realizzi.

Sembrerebbero teorie infondate perché non suffragate da prove certe e concrete. Noi abbiamo infatti sempre la pretesa di poter documentare tangibilmente le tante ipotesi ritenute possibili.
Diciamo che i nostri unici e soli cinque sensi, di cui natura ci ha dotati, non riescono a sondare oltre un certo limite loro consentito, per cui è necessario sormontare questo ostacolo, ponendosi nello stato d’animo adatto alla percezione di quelle sensazioni che sono trasmesse su frequenze vibrazionali più intense delle nostre attuali disponibili.

La pianta, si afferma, proverebbe un senso di godimento vivo nella bellezza dei suoi fiori, nella loro capacità di attrarre api ed altri insetti. Tutte le Piante sarebbero sensibili all’ ammirazione loro tributata e ne godrebbero essendo anche sensibili all’ affezione umana, che ricambierebbero a modo loro.
L’influenza esercitata sull’ uomo dal regno animale è limitata agli animali domestici più vicini a noi e la nostra influenza su di essi è molto più grande di quella che essi esercitano su di noi: ma quest’ultima non è da trascurare.

Chi abbia veramente stretto amicizia con un animale è aiutato e rafforzato dall’ affetto che ne riceve. L’uomo ha una maggiore capacità di amare rispetto all’ animale, ma l’affezione di quest’ultimo è più concentrata, mettendovi tutta l’energia di cui dispone.
La differenza fra uomo ed animale, in questo ambito, è caratterizzata dal fatto che l’uomo ha molteplici interessi in cui ripartire la sua benevola attenzione, mentre l’animale riversa tutta la sua carica di energia in un solo canale… diretto all’ uomo che gli è amico.

L’esempio sugli animali domestici, nostri amici da sempre, come cani e gatti, riesce più facilmente a farci intendere come altre intese possano essere possibili con creature anche molto diverse da noi, magari con minore intensità dei nostri amici a quattro zampe che vivono non noi e al cui sostentamento provvediamo.
Personalmente sono convinto di queste interrelazioni… possibili anche con soggetti che definiamo inanimati, ma che sicuramente non lo sono!

Pubblicato in: Divagazioni, metafisica, Poesia, Universo, Varie

Mani e…cuore!


Se provo a fermarmi per un solo istante
appoggiando le mani sul cuore,
percepisco che l’intero universo
pulsa dentro di me.
E’ una sintonia che unisce
macro e microcosmo… in me!
E che si esplicita in perfetta armonia
nell’ambito di un gioioso scambio cosmico…
…esaltante, appassionante!

(Franco)

Pubblicato in: Bellezze naturali, Divagazioni, Escurzioni, Natura, Riflessioni, Varie

La montagna in alternativa al vasto oceano!


Fascino, fatica, vasti scenari e…nobili pensieri!

La Montagna è sicuramente la regina dei paesaggi alpini di cui è vanto e che rende ameni e turisticamente attrattivi, particolarmente per coloro che ne apprezzano la bellezza paesaggistica, le sue pinete, e quel certo fascino che da sempre la contraddistingue!

E’ l’antagonista, in natura, dell’Oceano che, nel nostro Pianeta Azzurro, occupa i tre quarti della sua superficie e che la fa da padrone, lasciando a montagne, pianure e vallate il restante quarto di estensione geografica!
Turisticamente, Mare e Montagna sono le due alternative principali in gara per attrarre l’interesse dei turisti e dei villeggianti durante la calura estiva in particolare, e di coloro che amano lo spirito di avventura e quelle intime e gradevoli sensazioni che Mare e Monti, nella loro rispettive specificità, sono in grado di offrire!

Chi ha la fortuna di vivere tutto l’anno alle sue pendici o nelle immediate vicinanze, gode del privilegio di vederla mutare nel corso delle stagioni, allorquando si ammanta di verde intenso in Primavera, o quando il profumo di resina delle sue pinete si diffonde, o mutando i colori delle foglie dei suoi alberi, specialmente in autunno, quando il verde degrada man mano in marrone e giallo d’ocra…
La montagna è anche metafora di conquista per chi affronta le sue asperità, percorrendo i suoi spesso impervi sentieri e ripidi pendii, con sudore e tanta fatica, ma consapevole che ad ogni piè sospinto, godrà di viste panoramiche affascinanti, mozzafiato…

In inverno certamente non si esprime al meglio delle sue possibilità, ma offre altresì allentanti e frequentatissime piste da sci per la delizia di tanti appassionati di questo sport invernale che attendono con ansia che essa si ammanti di uno spesso manto di neve per assicurare a tutti una tanto desiderata vacanza o puro svago nel cuore del freddo inverno!

Pubblicato in: Channeling, Divagazioni, Parapsicologia, Riflessioni, Universo, Varie

Gli “Esseri di Luce”: chi sono e cosa dicono di noi!


…”Noi siamo ovunque: abbiamo la facoltà di vedere, di conoscere, di sapere tutto e abbiamo la forza del Tutto: solo che non possiamo interferire nel vostro processo evolutivo…

Siamo i pionieri del vostro futuro, ma siamo anche coloro che salveranno la vostra Terra. È importante sapere che non solo esiste una dimensione parallela alla vostra, ma anche tante altre che sono però a raggio infinito, come i cerchi che si creano in uno stagno d’acqua tranquillo quando viene gettato un sasso: cerchi su cerchi, uno sempre di raggio più ampio dell’altro, perciò oggi voi siete in grado di comprendere una teoria, domani qualcosa di più e…così via.  

Lo spirito, non solo è immortale, ma è dovunque perché in realtà non è un oggetto, né una figura, né un panorama, ma è il Tutto nel Tutto ed unitamente al Tutto. Mille milioni di scintille, di particelle invisibili formano questa vibrazione che voi chiamate spirito. 

La nostra forza di azione-pensiero è potente quanto la vostra, ma noi ne siamo maggiormente responsabili. Un’ azione volta al bene ha un potere di gran lunga superiore di una forza devastante e destabilizzante, tuttavia, ciò che in questo periodo sconvolge il vostro pianeta, sembra dare corpo a forze volte al negativo, ma, paradossalmente,  è un’energia pur necessaria per far sì che vi sia un miglioramento ed uno stimolo verso migliori comportamenti su un pianeta bellissimo, il vostro,  che viene depredato, derubato della parte più bella e più pura. 

Noi ci adoperiamo per livellare le passività della vostra società pigra e opulenta, e dobbiamo assai spesso intervenire per ovviare a ciò che il vostro libero arbitrio ha erroneamente gestito.  

Ma è un processo complesso. Voi non potete essere fonte di giustizia se non vi decidete a tagliare i rami secchi che vi impediscono di progredire. 

Qui da noi ognuno ha una propria indipendenza e capacità individuali che sono frutto di conoscenze acquisite nel corso di varie incarnazioni. 


The Being of Light: who they are and what they say about us!

We are also the ones who will save the Earth.
It is important to know that in addition to a dimension parallel to yours, there are many others that develop in radius and form many circles like those that are created in a pond of water by throwing a stone into it: each circle has a wider radius than an other, just as you are able to understand a theory today, and tomorrow even more and … so on.
Our thought-action force is as powerful as yours, but we are more responsible for it. If an action is aimed at good, it has a far greater power than a devastating force aimed at evil. What in this period upsets your planet, seems to feed forces aimed at the negative, but, paradoxically, it is a necessary energy to ensure that you are stimulated towards better behaviors on your beautiful planet, which is plundered, robbed of the most beautiful and purer.

But it is a complex process. You cannot be a source of justice if you do not decide to cut the dead branches that prevent you from progressing.

Here, everyone has their own independence and individual abilities that are the result of knowledge acquired during various incarnations. “

Pubblicato in: conflittualità dell'essere..., Costume e società, Riflessioni, Varie

Il bene non fa notizia; del male tutti parlano!


Moltissimi si chiedono perché si taccia il bene e si tenda sempre più a rendere noto il male, le violenze e le sopraffazioni di ogni tipo. Io penso che ciò sia insito nella natura umana.
Infatti, personalmente, non ho mai creduto, che l’uomo sia fatto ad immagine e somiglianza di Dio, la considero un’ appropriazione indebita di somiglianza con Qualcuno cui non siamo affatto degni di somigliare.
L’attitudine a porre in primo piano la negatività ed esaltarla a scapito del troppo poco bene di cui siamo capaci, si sarebbe sempre verificata nel corso della storia umana. Infatti v’è sempre stata una sproporzione fra gli eventi storici che segnavano una negatività come guerre, rivoluzioni, esecuzioni capitali, defenestrazioni di regimi, violenze di massa, genocidi e via dicendo, che al loro confronto gli sparuti atti eroici, l’esempio di qualche santo o il sacrificio di qualcuno a vantaggio di altri rappresentano una misera entità numerica, illusoria e trascurabile ….
Basti pensare che anche nelle migliori fiction, tanto di moda ai nostri tempi, non si riesce a poter rendere interessante una trama se manca il solito omicidio, lo sfregio, la violenza o lo stupro, di cui tutti ci doliamo, ma che danno un senso (purtroppo!) alla buona riuscita dell’opera stessa! Imperversano telefilm basati su queste negatività! E sono molto seguiti, piacciono!
Per poter sollevarci da tante scabrose situazioni, siamo spesso costretti a cambiare canale su qualche commedia che ci rallegri, ma che, tutto sommato, alla fin fine giudichiamo con una certa sufficienza per certe banalità riprese dalla monotona vita di tutti i giorni. Un già visto!

Siamo fatti così, non possiamo cambiare, a meno che non sia il singolo stesso, seguendo un suo percorso individuale, a fare scelte oculate e magari voler con tutte le proprie possibili personali risorse, assomigliare “almeno minimamente e vagamente” all’ immagine divina di riferimento!

Pubblicato in: conflittualità dell'essere..., Costume e società, Divagazioni, Psicologia, Riflessioni, Varie

“Transurfing”: come gestire la realtà!


L’Uomo, nel corso della sua esistenza, ha sempre cercato e cerca sempre di adattarsi agli standard di comportamento fissati ed in questo modo finisce per riceverne in cambio un senso di insoddisfazione e di intimo disagio. 

Ad ogni tentativo di cambiare sé stesso per adeguarsi agli standard vari, finisce per rinchiudere la propria anima nel guscio della convenzionalità, diventa elemento di una qualche struttura organizzata, è costretto a seguirne certe regole e, di conseguenza, sorgerà un’inevitabile contraddizione tra i suoi personali ed intimi intenti e le condizioni che struttura impone… 

Nel nostro mondo tante cose, purtroppo, si trovano nel posto non giusto, se non all’opposto di dove dovrebbero essere! 

Ad esempio, una sessualità normale e naturale è quella che l’individuo esercita come un evento ludico, giocato dall’individualità personale, senza fare confronti con gli altri o con ciò che si dovrebbe fare, secondo un certo modello imposto. 

Ma la sessualità puo’ non essere espressione di amore e l’amore non è certo solo sessualità, ma molto di piu’! 

Questi due atavici bisogni umani possono “fortunatamente” anche coesistere e rendere una relazione ideale, ma possono anche seguire percorsi molto diversi, come troppo spesso accade!… 

Che piaccia o no, di fatto, il sesso parrebbe, anzi è senza dubbio, una forma di aggressione, piuttosto che di… tenerezza. 

Tuttavia noi tutti siamo in grado di ottenere quello che decidiamo di scegliere. 

Cio’ sarebbe possibile praticando il Transurfing, una metodica che insegna come collocarsi nell’esistenza in completo accordo con la propria essenza animica e come riuscire a scegliere, fra tutte le possibilità offerte, quelle che si manifestano a noi come le piu’ appropriate e favorevoli. 

Applicare il metodo “Transurfing”, potrebbe dimostrarsi un’ottima strada maestra per introdurci in una giusta condotta di vita ed al meglio gestire la propria personale realtà…

———————————————————-

In a nutshell:
Everyone is free and able to choose their own destiny!
The only freedom we have is the freedom of choice!
Everyone can choose whatever they want!

 

Pubblicato in: Divagazioni, Varie

Botafumeiro: un incensiere…famoso!


Oggi andiamo a visitare “virtualmente” un famoso Santuario a Santiago de Compostela, nella regione della Galizia, in Spagna. Questa Cattedrale fu eretta in stile architettonico “romanico-spagnolo”. I sempre piu’ numerosi pellegrini che vi si recano in pellegrinaggio, percorrono piu’ di 800 km, secondo la loro provenienza,  per raggiungere questo luogo di preghiera, e vi arrivano  stanchi ed affaticati dal lungo percorso, noto come il “Cammino di Santiago…”

Oltre ad ammirare le bellezze paesaggistiche di Santiago e dintorni,  ed i capolavori di arte pittorica e scultorea all’interno della stessa cattedrale, in alcune date specifiche dell’anno e, comunque, tutti i Venerdi’, possono assistere al rito del ” Botafumeiro”; un enorme incensiere che viene caricato con incenso, acceso, e quindi fatto oscillare all’interno della cattedrale, fra la curiosità dei pellegrini che, con la testa all’insu,’ ne seguono le lunghe falcate oscillatorie, sotto l’attento controllo dei “tiraboleiros”, preposti a questo incarico. E’ l’incensiere piu’ grande del mondo, in lega di ottone e argento, pesa 15 kg ed è alto 1,60 m.

I tanti pellegrini intervistati sono unanimi nell’affermare essere per loro una eccezionale esperienza spirituale, umana e quant’altro ancora. Una di quelle mete che dovrebbero essere incluse nell’esperienza personale di ognuno, fermo restando che sia nelle possibilità del singolo fronteggiare le  difficoltà che un tale percorso…puo’ comportare.


Today we visit “virtually” a famous Sanctuary in Santiago de Compostela, in the Galicia, Spain’s region! The ever-increasing number of pilgrims who are going on pilgrimage, are walking more than 800 km to reach this place of prayer. They get tired and fatigued by the long path, known as “Santiago Way”. As well as admire the beautiful landscapes of Santiago and the surrounding area, the masterpieces of pictorial and sculptural art within the same cathedral, at certain specific dates of the year and, anyway, on Fridays, they can attend the rite of the “Botafumeiro”; a huge censer, loaded with incense, swiched on, and then swinging inside the cathedral, among the curiosity of the pilgrims looking upwords and following its fluctuations under the careful control of the ” tiraboleiros”. It is the greatest censer in the world! It’s 1,6 meters high, weighs 15 kg., in brass and silver alloy.

The many pilgrims interviewed are unanimous in affirming that was an exceptional spiritual, human experience and much more. One of those goals that should be included in everyone’s personal experience, as long as there are requirements to handle such a long and challenging jouney…